Der 346 des 61 ° Stormo im TLP von Albacete

(Di Aeronautica Militare)
30 / 09 / 16

Dal 15 al 23 settembre 2016, due T-346A del 61° Stormo sono stati rischierati, per la seconda volta quest’anno, presso la base spagnola di Albacete, con il compito di supportare l’addestramento nel terzo Flugkurs del 2016 del Taktisches Führungsprogramm (TLP).

Nelle missioni del TLP, i pregiati assetti di Galatina hanno “giocato” il ruolo “Red Air”: il loro compito è stato quello cioè di simulare attacchi aerei agli altri velivoli, italiani e stranieri. Nell’evento sono stati coinvolti oltre 30 aeromobili, provenienti da Spagna, Italia, Grecia, Francia, Germania e Stati Uniti. La particolare simbiosi venutasi a creare tra gli equipaggi italiani e quelli delle altre nazioni partecipanti nel ruolo di “forze aeree dell’opposizione” (F-16 greci, EF2000 tedeschi, HAWK inglesi e F5 spagnoli), ha permesso di mettere in evidenza le capacità del 346 nel ruolo di “aggressor”.

Gli equipaggi italiani sono stati inoltre coinvolti nella pianificazione di missioni complesse di tipo composite&combined, svolgendo le mansioni di Red Force mission commander. Nell’ambito dell’esercitazione i Trainer del 61° Stormo hanno effettuato otto missioni di volo e la presenza della rappresentanza della Scuola di Volo salentina ha ottenuto, nel complesso, eccellenti riscontri in termini di risultato.

L’esperienza internazionale ha confermato la capacità dell’assetto addestrativo del 61° Stormo, costituito, oltre che dai velivoli, da piloti-istruttori del 212° Gruppo Volo e dagli specialisti del 961° Gruppo Efficienza Aeromobili, di sapersi integrare perfettamente nel contesto operativo. Inoltre, gli istruttori del 61° Stormo in trasferta ad Albacete hanno avuto l’occasione di aggiornare il proprio bagaglio professionale, di affrontare nuovi scenari, di confrontarsi con le ultime dottrine di impiego del potere aereo, esperienza che, senza dubbio, potrà dare ulteriore valore aggiunto ai contenuti del corso di fase IV (Lead In to Fighter Training Course - LIFT), e ai frequentatori dello stesso, tutti piloti militari destinati ai velivoli da combattimento.