Exklusive Online-Verteidigung: letztes Interview mit dem Stabschef der Marine, adm. Giuseppe De Giorgi

(Di Andrea Cucco)
22 / 06 / 16

Lo abbiamo seguito per anni, dagli sforzi per far comprendere al Paese che la Marina Militare nel giro di pochi lustri sarebbe svanita come forza militare credibile (hanno portato alla Legge Navale del 2014 ed a circa la metà di quanto richiesto...) alle disavventure con Reservoir Dogs, sostanzialmente disinnescate dopo che l'ammiraglio le ha affrontate vis à vis (ma di questa puntata non si sono fatte troppe repliche...).

Negli ultimi mesi accuse sollevate da anonimi hanno con puntualità "balistica" compromesso incarichi successivi che avrebbe quasi certamente meritato un concittadino che - nella sostanza, non nell'apparenza mediatica - tanto ha fatto per un Paese e la sua forza armata.

Certo, concludere una carriera lunga 45 anni con un'immagine pubblica che non rende minimamente giustizia al proprio operato è triste. La consolazione è che i meriti del militare che ha lasciato la posizione di vertice nella Marina Militare saranno senza ombra di dubbio riconosciuti per molti anni a venire.

I lettori di Difesa Online non si fermano mai alle sentenze "definitive e passate in giudicato" emesse da titoloni ad effetto senza contenuto o foto "sbattute in prima pagina". Chi legge questo giornale si fa un'idea in maniera autonoma e trasversale. L'ultima intervista concessa dall'ammiraglio fornisce un quadro che non si risolve nei pochi secondi di un servizio televisivo. A volte serve tempo per realizzare un giudizio, se non "esatto" almeno "corretto".

Gute Sicht!